Calcolare la classe di merito per risparmiare

risparmiare con l'assicurazione dell'autoQuando si ragiona sull’idea eventuale di acquistare un’auto si prendono in considerazione i costi di mantenimento che tale acquisto comporta non solo nell’immediato ma anche in futuro.

Si tiene presente il costo del carburante, del bollo annuale ma soprattutto dell’assicurazione auto pensando che sia una delle spese più onerose. In realtà basterebbe essere sempre prudenti perché guidare con attenzione alla fine dei conti conviene, non solo al fine di evitare contravvenzioni ma anche e soprattutto per abbassare il prezzo della propria polizza.

A seconda, infatti, della propria classe di merito, stabilita da un punteggio numerico, si stabilisce il premio assicurativo da pagare.

Ad esempio, se nell’arco dell’anno non si incorre in incidenti stradali, ad ogni polizza verrà riconosciuto un bonus, si sale così di una classe, il che corrisponderà in termini monetari ad uno sconto della rata da pagare; se viceversa si provoca un sinistro, si retrocede: meccanismo molto semplice a dire il vero e, nonostante la norma sulla classe di merito sia in continuo cambiamento, rimane comunque evidente quanto un corretto comportamento sulla strada consenta di risparmiare significativamente sull’assicurazione.

Rimane scoperto il dilemma su quale compagnia scegliere: sono sempre di più le assicurazioni online che offrono prezzi vantaggiosi o sconti per determinate categorie di clienti, soprattutto se donne.

Noi di Consumi Auto teniamo molto al portafogli e, come nostra abitudine, ci teniamo a condividere ogni informazione utile con i nostri utenti. Perché risparmiare sul carburante è un obbligo con questa crisi, ma risparmiare sull’assicurazione è un diritto di tutti.

Non credete?


Lascia un Commento

Assicurazioni Auto e Consumi
I consumi per le auto non sono l'unica spesa da sostenere; come tutti ben sappiamo c'è la manutenzione, i tagliandi, e le spese accessorie di un'auto. Aumentano, purtroppo, le spese impreviste relative a multe e a tasse relative a pedaggi e parcheggi, ma la spesa maggiore in Italia è dovuta all'assicurazione. Come è possibile leggere su Assicurazioni auto aumentano il numero di auto che viaggiano senza assicurazione e aumentano le disparità tra le province, creando anche degli assurdi, come ad esempio province con meno incidenti e prezzi bloccati dal passato quando gli incidenti erano tanti. Noi di Consumi auto ci auguriamo che questa situazione veda una soluzione più sostenibile per il popolo italiano.