Consumi Alfa Romeo Giulietta 1.4 Turbo

Ed eccoci arrivati all’Alfa Romeo, una casa automobilistica capace di far inumidire gli occhi ai tanti appassionati italiani di motori.

L’Alfa Romeo fa parte della nostra Storia, sia di quella “civile” diciamo così quanto di quella sportiva e competitiva, atteso che l’Alfa Romeo ha partecipato, con diverse vetture a gare di velocità e rally.

Possiamo in linea di principio dire che se la Fiat è l’auto per l’italiano sobrio e serio allora l’Alfa Romeo è stata l’auto degli spiriti più inquieti, quelli amanti della velocità e del vento.

Gli spiriti inquieti sono spesso anche romantici. Furono questa inquietudine e questo romanticismo ad abbinare al Romeo la Giulietta di Shakespeariana memoria.

La fortuna della prima Giulietta ha convinto l’Alfa Romeo a riproporne, a mò di talismano, il nome.
E non solo, perchè, al netto delle nuove possibilità tecnologiche, l’Alfa Romeo Giulietta 1.4 Turbo ricorda molto, per style e carattere, la vecchia Giulietta.

Ma andiamo un po a vedere insieme, attraverso la scheda tecnica, i consumi della nuova Giulietta, ossia dell’Alfa Romeo Giulietta 1.4 turbo.

Scheda tecnica Motore/Consumi

Marca: Alfa Romeo
Versione: Alfa Romeo Giulietta 1.4 Turbo
Alimentazione: benzina
Cilindrata: 1368 cm3
Capacità serbatoio: 60 l
Cavalli: 88 kW (120 CV)
Trazione: anteriore
Classe Euro: Euro5
Emissioni CO2: 149 g/Km
Consumo Urbano: 8,4 l/100 Km
Consumo Extra Urbano: 5,3 l/100 Km
Consumo Misto: 6,4 l/100 Km

 

Questi i dati ufficiali. Ma saranno quelli giusti? Chiediamo, come nostro solito, conferma a chi una bella Alfa Romeo Giulietta 1.4 Turbo la possiede, l’ha posseduta o, semplicemente, ha avuto modo di guidarla.  A queste persone chiediamo se i dati riportati corrispondono o meno al vero.
Sono questi i reali consumi dell’Alfa Romeo Giulietta 1.4 Turbo?


Lascia un Commento

Assicurazioni Auto e Consumi
I consumi per le auto non sono l'unica spesa da sostenere; come tutti ben sappiamo c'è la manutenzione, i tagliandi, e le spese accessorie di un'auto. Aumentano, purtroppo, le spese impreviste relative a multe e a tasse relative a pedaggi e parcheggi, ma la spesa maggiore in Italia è dovuta all'assicurazione. Come è possibile leggere su Assicurazioni auto aumentano il numero di auto che viaggiano senza assicurazione e aumentano le disparità tra le province, creando anche degli assurdi, come ad esempio province con meno incidenti e prezzi bloccati dal passato quando gli incidenti erano tanti. Noi di Consumi auto ci auguriamo che questa situazione veda una soluzione più sostenibile per il popolo italiano.