Consumi Alfa Romeo Giulietta 2.0 JTDm-2 170 CV Exclusive

Consumi Alfa Romeo Giulietta 2.0 JTDm-2 170 CV ExclusiveOggi tocca ai consumi dell’ Alfa Romeo Giulietta 2.0 JTDm-2 170 CV Exclusive, che subito dopo la MiTo, è il modello Alfa Romeo più acquistato negli ultimi anni.

E’ dotata di un propulsore 1.4 TB MultiAir da 170 cv e 2.0 JTDM-2 da 170 cv. E’ veramente ottima per chi ama l’ebbrezza della velocità. Basti pensare che può raggiungere una velocità di 218 km/h in soli 8 secondi. Sarà sicuramente merito del motore a quattro cilindri in linea con cilindrata di 1956 cm3!

Considerando queste eccellenti prestazioni, bisogna dire che i consumi sono veramente molto bassi. Un’automobile del genere che consuma così poco è davvero un qualcosa di prezioso.

L’Alfa Romeo Giulietta 2.0 JTDm-2 170 CV Exclusive è dotata di fari fendinebbia e fari in stile Bi-Xeno. Può ospitare cinque persone, con sedili in stoffa (o pelle) e manubrio in pelle nera. Oltre tutto, possiamo godere dei privilegi del Navigatore satellitare con mappa Europa su SD card.
Osserviamo, ora, più da vicino i consumi e la scheda tecnica della mitica Alfa Romeo Giulietta 2.0 JTDm-2 170 CV Exclusive.





Scheda tecnica Motore/Consumi

Marca: Alfa Romeo
Versione: Giulietta 2.0 JTDm-2 170 CV Exclusive
Alimentazione: gasolio (sovralimentato)
Cilindrata: 1956 cm3
Capacità serbatoio: 45 litri
Cavalli: 125 kW (170 CV)
Trazione: anteriore
Classe Euro: Euro5
Emissioni CO2: 124 g/Km
Consumo Urbano: 5,8 l/100 Km
Consumo Extra Urbano: 4,1 l/100 Km
Consumo Misto: 4,7 l/100 Km

Conveniente, non credete?

Naturalmente ci atteniamo ai dati ufficiali dichiarati dall’Alfa Romeo, ma è sempre bene ricordare che i modi di guidare sono diversi e ciò può comportare grandi o piccole variazioni nei dati relativi ai consumi.

Quindi, noi di consumi.com, vorremmo chiedere a chi possiede quest’automobile: “Quanto consuma realmente la Alfa Romeo Giulietta 2.0 JTDm-2 170 CV Exclusive”?


Lascia un Commento

Assicurazioni Auto e Consumi
I consumi per le auto non sono l'unica spesa da sostenere; come tutti ben sappiamo c'è la manutenzione, i tagliandi, e le spese accessorie di un'auto. Aumentano, purtroppo, le spese impreviste relative a multe e a tasse relative a pedaggi e parcheggi, ma la spesa maggiore in Italia è dovuta all'assicurazione. Come è possibile leggere su Assicurazioni auto aumentano il numero di auto che viaggiano senza assicurazione e aumentano le disparità tra le province, creando anche degli assurdi, come ad esempio province con meno incidenti e prezzi bloccati dal passato quando gli incidenti erano tanti. Noi di Consumi auto ci auguriamo che questa situazione veda una soluzione più sostenibile per il popolo italiano.