Consumi Alpina BMW B3 S Switch-Tronic

Consumi Alpina BMW B3 S Switch-TronicParliamo, oggi, dei consumi della Alpina BMW B3 S Switch-Tronic, il sogno di molte persone, in particolare degli amanti della velocità. Al suo interno troviamo dei sedili sportivi, volante multifunzione in pelle nero, climatizzatore e ABS. E’ una berlina a quattro porte che può ospitare fino a cinque persone.

Oltre al suo meraviglioso e delicato design, presenta delle caratteristiche tecniche davvero esaltanti.
Basti pensare che l’Alpina BMW B3 S Switch-Tronic è dotata di un motore a sei cilindri in linea, una cilindrata di ben 2979 cm3 ed una potenza massima di 400 CV. Incredibile, vero?

E’ in grado di raggiungere una velocità di circa 300 km/h in solo 4,5 secondi. Pazzesco!
E’ alimentata a benzina, consuma non pochissimo, ma nemmeno esageratamente, considerando le prestazioni eccellenti e soddisfacenti di questa vettura.

Per rendercene conto, aquesto punto, non ci resta che osservare la scheda tecnica.

Scheda tecnica Motore/Consumi

Marca: Alpina BMW
Versione: B3 S Switch-Tronic
Alimentazione: benzina (sovralimentato)
Cilindrata: 2979 cm3
Capacità serbatoio: 63 litri
Cavalli: 294 kW (400 CV)
Trazione: posteriore
Classe Euro: Euro5
Emissioni CO2: 224 g/Km
Consumo Urbano: 14,0 l/100 Km
Consumo Extra Urbano: 7,2 l/100 Km
Consumo Misto: 9,7 l/100 Km

Come possiamo notare i consumi sono non proprio bassi, ma è chiaro che, trattandosi di un’automobile così potente, non potrebbe accadere diversamente.

Questi, come sempre, sono i dati ufficiali dell’Alpina BMW. E noi, come sempre, vi ricordiamo che ogni stile di guida è diverso dall’altro e, per questo, ci possono essere notevoli differenze nei consumi.

A questo punto, come sempre facciamo, chiediamo a chi la possiede: “Quanto consuma l’Alpina BMW B3 S Switch-Tronic?”


Lascia un Commento

Assicurazioni Auto e Consumi
I consumi per le auto non sono l'unica spesa da sostenere; come tutti ben sappiamo c'è la manutenzione, i tagliandi, e le spese accessorie di un'auto. Aumentano, purtroppo, le spese impreviste relative a multe e a tasse relative a pedaggi e parcheggi, ma la spesa maggiore in Italia è dovuta all'assicurazione. Come è possibile leggere su Assicurazioni auto aumentano il numero di auto che viaggiano senza assicurazione e aumentano le disparità tra le province, creando anche degli assurdi, come ad esempio province con meno incidenti e prezzi bloccati dal passato quando gli incidenti erano tanti. Noi di Consumi auto ci auguriamo che questa situazione veda una soluzione più sostenibile per il popolo italiano.