Consumi Alpina BMW D3 Coupé

Consumi Alpina BMW D3 CoupéCari amici lettori di Consumi Auto, oggi ci concentriamo sui consumi dell’Alpina BMW D3 Coupé, un auto veramente “spaziale”!

La D3 Coupé è una vettura coupè a due porte e quattro posti per i passeggeri, dotata di due sedili anteriori molto comodi, mentre quelli posteriori sono di dimensioni ridotte e quindi in grado di fornire ai passeggeri un minore comfort; troviamo al suo interno un volante sportivo multifunzione, climatizzatore e ABS di serie per questo modello.

La sua forma è molto sinuosa e sobria, i fari stile bi-xeno la rendono ancora più affascinante. Inoltre, ha un motore a 4 cilindri in linea con una cilindrata di 1995 cm3, per un potenza totale di 214 CV e grazie al propulsore bavarese, l’Alpina BMW D3 Coupé, raggiunge una velocità massima di 244 km/h con un’accellerazione da 0 a 100 km in solo 6,9 secondi.

Ma mettiamo da parte i complimenti e vediamo insieme una panoramica su motore e consumi della Alpina BMW D3 Coupé.





Scheda tecnica Motore/Consumi

Marca: Alpina BMW
Versione: D3 Coupé
Alimentazione: gasolio (sovralimentato)
Cilindrata: 1995 cm3
Capacità serbatoio: 61 litri
Cavalli: 157 kW (213 CV)
Trazione: posteriore
Classe Euro: Euro4
Emissioni CO2: 143 g/Km
Consumo Urbano: 6,7 l/100 Km
Consumo Extra Urbano: 4,6 l/100 Km
Consumo Misto: 5,4 l/100 Km

Questi sono i dati ufficializzati dall’Alpina BMW per la D3 Coupé, ma ci teniamo a ribadire che i consumi e le emissioni non sono necessariamente quelli della scheda tecnica perchè possono variare in base allo stile di guida. Come sempre d’altronde.

Attenendoci ai dati sopra elencati, possiamo dire che i consumi sono veramente molto buoni, altrettanto vale per le emissioni.
Per saperne di più, ci rivolgiamo a voi fortunati possessori di questa macchina: “Quanto consuma l’Alpina BMW D3 coupè?”


Lascia un Commento

Assicurazioni Auto e Consumi
I consumi per le auto non sono l'unica spesa da sostenere; come tutti ben sappiamo c'è la manutenzione, i tagliandi, e le spese accessorie di un'auto. Aumentano, purtroppo, le spese impreviste relative a multe e a tasse relative a pedaggi e parcheggi, ma la spesa maggiore in Italia è dovuta all'assicurazione. Come è possibile leggere su Assicurazioni auto aumentano il numero di auto che viaggiano senza assicurazione e aumentano le disparità tra le province, creando anche degli assurdi, come ad esempio province con meno incidenti e prezzi bloccati dal passato quando gli incidenti erano tanti. Noi di Consumi auto ci auguriamo che questa situazione veda una soluzione più sostenibile per il popolo italiano.