Consumi Audi A6 2.8 V6 FSI 190CV

Consumi Audi A6 2.8 V6 FSI 190CVL’Audi A6 è un’autovettura che rappresenta la fascia medio-alta della casa automobilistica tedesca, fu prodotta per la prima volta nel 1994, da cui si sono generate quattro diverse versioni.

Tra queste, oggi, parliamo dei consumi dell’Audi A6 2.8 V6 FSI 190CV, una berlina a cinque porte molto capiente, che può ospitare fino a cinque passeggeri, offredo loro la possibilità di avere ogni comfort possibile (da sedili regolabili al climatizzatore automatico, oltre ad un computer di bordo che fornisce in tempo reale tutte le indicazioni sul consumo di carburante e sullo stato della guida).

Ha una forma prettamente allungata e un design elegante, con cerchi in lega e inserti in alluminio che riescono molto bene ad accentuare la maestosità della vettura. E’ dotata di un motore a 6 cilindri a V con una cilindrata di 2773 cm3 per un potenza totale di 190 CV, motore che permette alla vettura di raggiungere una velocità pari a 238 km/h. E’ alimentata a benzina con meccanico a 6 rapporti.

Ma, per conoscere i consumi della Audi A6 2.8 V6 FSI 190CV, osserviamo la scheda tecnica.

Scheda tecnica Motore/Consumi

Marca: Audi
Versione: A6 2.8 V6 FSI 190CV
Alimentazione: benzina
Cilindrata: 2773 cm3
Capacità serbatoio: 70 litri
Cavalli: 140 kW (190 CV)
Trazione: anteriore
Classe Euro: Euro5
Emissioni CO2: 191 g/Km
Consumo Urbano: 12,0 l/100 Km
Consumo Extra Urbano: 6,1 l/100 Km
Consumo Misto: 8,2 l/100 Km

Adesso avremo sicuramente un quadro più completo dell’Audi A6 2.8 V6 FSI 190CV riguardo ai consumi e alle specifiche del motore.

Oltretutto, essendo a conoscenza del fatto che i consumi variano a seconda del proprio modo di guidare (“sportivo”, “elegante” o “cittadino”), vorremmo dare la parola a tutti i fortunati possessori di questo gioiello di casa Audi, per chiedere direttamente:

“Quanto consuma l’Audi A6 2.8 V6 FSI 190CV?”


Lascia un Commento

Assicurazioni Auto e Consumi
I consumi per le auto non sono l'unica spesa da sostenere; come tutti ben sappiamo c'è la manutenzione, i tagliandi, e le spese accessorie di un'auto. Aumentano, purtroppo, le spese impreviste relative a multe e a tasse relative a pedaggi e parcheggi, ma la spesa maggiore in Italia è dovuta all'assicurazione. Come è possibile leggere su Assicurazioni auto aumentano il numero di auto che viaggiano senza assicurazione e aumentano le disparità tra le province, creando anche degli assurdi, come ad esempio province con meno incidenti e prezzi bloccati dal passato quando gli incidenti erano tanti. Noi di Consumi auto ci auguriamo che questa situazione veda una soluzione più sostenibile per il popolo italiano.