Consumi Audi Q3 2.0 TDI 140 CV

Consumi Audi Q3 2.0 TDI 140 CVTrattiamo, cari amici appassionati di motori, dei consumi dell’Audi Q3 2.0 TDI 140 CV, il nuovo bellissimo suv della casa automobilistica tedesca.

L’Audi Q3 2.0 TDI 140 CV è un fuoristrada a cinque porte, molto capiente internamente: infatti può ospitare fino a cinque passeggeri, lo stesso discorso vale anche per il bagagliaio, molto spazioso con delle dimensioni pari a 1.365 dm3.

Le differenze che vi sono tra la Q3 e gli altri suv di casa Audi sono evidenti: oltre che nella forma, si differenziano nella parte frontale: la differenza possiamo notarla, precisamente, dai fari dalla forma aggressiva (poichè dotati di LED), che concordano perfettamente con i cerchi in lega 6½Jx16 a 7 razze e con il resto della carrozzeria.

L’auto in questione ha un motore a 4 cilindri in linea con una cilindrata di 1968 cm3, per una potenza totale di 140 CV. Grazie a questo motore, la Q3 2.0 TDI 140 CV è in grado di raggiungere una velocità massima pari a 202 km/h, con un’accelerazione da 0 a 100 km in meno di 10 secondi. Parliamo di una vettura alimentata a gasolio, con cambio meccanico a sei rapporti.

Per ulteriori dettagli e per analizzare insieme i consumi dell’Audi Q3 2.0 TDI 140 CV, osserviamo la scheda tecnica.

Scheda tecnica Motore/Consumi

Marca: Audi
Versione: Q3 2.0 TDI 140 CV
Alimentazione: gasolio (sovralimentato)
Cilindrata: 1968 cm3
Capacità serbatoio: 70 litri
Cavalli: 103 kW (140 CV)
Trazione: anteriore
Classe Euro: Euro5
Emissioni CO2: 137 g/Km
Consumo Urbano: 6,2 l/100 Km
Consumo Extra Urbano: 4,7 l/100 Km
Consumo Misto: 5,2 l/100 Km

Per un gioiello del genere, devo ammettere che i consumi sono veramente eccellenti! Per non parlare delle emissioni che confermano la grandiosità di questa macchina sotto tutti gli aspetti.

Chiaramente, i dati possono variare da “piede a piede”, per cui chiediamo a coloro che hanno avuto già il piacere di guidare questa auto: “Quanto consuma l’Audi Q3 2.0 TDI 140 CV?”


Lascia un Commento

Assicurazioni Auto e Consumi
I consumi per le auto non sono l'unica spesa da sostenere; come tutti ben sappiamo c'è la manutenzione, i tagliandi, e le spese accessorie di un'auto. Aumentano, purtroppo, le spese impreviste relative a multe e a tasse relative a pedaggi e parcheggi, ma la spesa maggiore in Italia è dovuta all'assicurazione. Come è possibile leggere su Assicurazioni auto aumentano il numero di auto che viaggiano senza assicurazione e aumentano le disparità tra le province, creando anche degli assurdi, come ad esempio province con meno incidenti e prezzi bloccati dal passato quando gli incidenti erano tanti. Noi di Consumi auto ci auguriamo che questa situazione veda una soluzione più sostenibile per il popolo italiano.