Consumi Citroen C1 1.0 3p.

Noi di consumiauto.com non avevamo ancora mai parlato delle auto della Citroen.

Era una lacuna che andava sicuramente colmata.

E lo facciamo partendo dalla più piccolina di casa, ossia dalla Citroen C1 1.0 3p.

Concepita e nata sull’onda della moda, non ancora esaurita, delle city car la C1 può essere considerata, per una pluralità di fattori, una delle big del suddetto segmento.

Carina, scattante e guidabile, i buoni aggettivi si sprecano quando si parla della Citroen C1 ma, more solito, noi di consumiauto.com abbiamo volutamente un occhio di riguardo per i consumi.

Da una city car le persone si aspettano non solo che sia facile e rapida da guidare, sia per parcheggiare che per effettuare slalom, ma altresì ci si aspetta che non “beva” troppo in termini di consumo.

Ed allora, dando uno sguardo alla scheda tecnica, che rappresenta pur sempre una sommaria radiografia della vettura, noi del blog gettiamo uno sguardo alle prestazioni della Citroen C1 1.0 3p.

 





Scheda tecnica Motore/Consumi

Marca: Citroen
Versione: Citroen C1 1.0 3p.
Alimentazione: benzina
Cilindrata: 998 cm3
Capacità serbatoio: 35 l
Cavalli: 50 kW (68 CV)
Trazione: anteriore
Classe Euro: Euro5
Emissioni CO2: 103 g/Km
Consumo Urbano: 5,4 l/100 Km
Consumo Extra Urbano: 4,0 l/100 Km
Consumo Misto: 4,5 l/100 Km

 

Questi i dati ufficiali. Buoni, nevvero? Ma saranno quelli giusti?
O non sarà, viceversa, che i dati reali presentino uno scostamento, magari non significativo, da quelli ufficiali?
Per avere o meno una conferma non possiamo che aspettare, non Godot, ma i commenti, preziosi ed insostituibili di chi una vettura del genere, ossia una Citroen C1 1.0 3p. la possiede oppure l’ha guidata.

Aspettiamo, amici internauti amanti della C1 1.0 3p., i vostri pareri.

 


Lascia un Commento

Assicurazioni Auto e Consumi
I consumi per le auto non sono l'unica spesa da sostenere; come tutti ben sappiamo c'è la manutenzione, i tagliandi, e le spese accessorie di un'auto. Aumentano, purtroppo, le spese impreviste relative a multe e a tasse relative a pedaggi e parcheggi, ma la spesa maggiore in Italia è dovuta all'assicurazione. Come è possibile leggere su Assicurazioni auto aumentano il numero di auto che viaggiano senza assicurazione e aumentano le disparità tra le province, creando anche degli assurdi, come ad esempio province con meno incidenti e prezzi bloccati dal passato quando gli incidenti erano tanti. Noi di Consumi auto ci auguriamo che questa situazione veda una soluzione più sostenibile per il popolo italiano.