Consumi Citroen C3 1.4 Seduction

Il blog si chiama consumi auto perchè si occupa dei consumi delle auto. Oggi andiamo un po’ ad investigare i consumi di un’auto che sta esercitando un certo appeal sul mercato, soprattutto sul mercato dei giovani e giovanissimi.

Parliamo oggi della Citroen C3 1.4 Seduction, una creatura che appartiene, com’è intuibile, alla linea della C3.

Sin dall’arrivo la C3 è stata molto amata dai giovani e dalle donne e ragazze più in particolare.

La C3 Seduction s’inserisce in questa linea, e possiamo ben dire che è seducente di nome e de facto.

Anche il prezzo, se riferito ad alcuni concorrenti del segmento, può essere definito seducente dal momento che siamo intorno ai 14mila euro. Niente affatto male, non trovate?
Per rispondere al questi relativo ai consumi andiamo, com’è ormai nostra consuetudine, a dare una occhiata alla scheda tecnica. Sarà poi il popolo della rete a dire se detti consumi corrispondono o meno alla realtà fattuale.





E allora, andiamo un po’ a vedere la scheda tecnica.  

Scheda tecnica Motore/Consumi

Marca: Citroen
Versione: Citroen C3 1.4 Seduction
Alimentazione: benzina
Cilindrata:  1360
Capacità serbatoio: 50 l
Cavalli: 54 kW (73 CV)
Trazione: anteriore
Classe Euro: euro5
Emissioni CO2: 139
Consumo Urbano:  8,0
Consumo Extra Urbano:  4,9
Consumo Misto:  6,0

Questa la scheda tecnica, adesso la parola passa agli internauti e, più in particolare, a chi, una Citroen C3 1.4 Seduction la possiede o l’ha posseduta. Forza amici di Consumi Auto, dite la vostra!


Lascia un Commento

Assicurazioni Auto e Consumi
I consumi per le auto non sono l'unica spesa da sostenere; come tutti ben sappiamo c'è la manutenzione, i tagliandi, e le spese accessorie di un'auto. Aumentano, purtroppo, le spese impreviste relative a multe e a tasse relative a pedaggi e parcheggi, ma la spesa maggiore in Italia è dovuta all'assicurazione. Come è possibile leggere su Assicurazioni auto aumentano il numero di auto che viaggiano senza assicurazione e aumentano le disparità tra le province, creando anche degli assurdi, come ad esempio province con meno incidenti e prezzi bloccati dal passato quando gli incidenti erano tanti. Noi di Consumi auto ci auguriamo che questa situazione veda una soluzione più sostenibile per il popolo italiano.