Consumi Fiat Panda 1.2 Easy

Una delle auto storiche di casa Fiat, la Panda, oggi vi viene presentata nella versione 1.2 Easy.

Cominciamo con il dire che stiamo parlando di una vettura che, insieme alla Uno, alla Tipo e alla Punto, ha fatto la fortuna di mamma Fiat, perlomeno in termini di auto vendute.

La nuove versione della Panda è piccolina come l’originale, ma ancora più della Panda “originale” strizza l’occhio ai giovanissimi, ai neopatentati, alle donne e si candidata come seconda vettura ideale.

Ideale e facile (toh!, facile non si dice easy?) da guidare è la compagna ideale tanto per gli ingorghi cittadini quanto per le gite fuori porta.

A tal proposito ricorda che la Panda “originale” aveva, unico caso in casa Fiat, anche una versione 4×4.

Ma, dal momento che il blog non si chiama consumi auto per capriccio o per scommessa, andiamo un po’ a vedere come sono i consumi della Panda 1.2 Easy dando una occhiata alla scheda tecnica.

Sarà poi compito dell’internauta fare i giusti raffronti e, magari, comunicare le proprie impressioni. Per iniziare, cominciamo a dare una scorsa alla scheda tecnica.

 

Scheda tecnica Motore/Consumi

Marca: Fiat
Versione: Panda 1.2 Easy
Alimentazione: benzina
Cilindrata: 1242 cm3
Capacità serbatoio: 37 litri
Cavalli: 51 kW (69 CV)
Trazione: Anteriore
Classe Euro: Euro5
Emissioni CO2: 164 g/Km
Consumo Urbano:  6,7 l/100Km
Consumo Extra Urbano:  4,3 l/100Km
Consumo Misto:  5,2 l/100Km

 

Questi sono i consumi dichiarati dalla casa madre, ma ognuno potrebbe avere delle variazioni più o meno significative.

Non è vero? Qual è la tua esperienza con la nuova Fiat Panda 1.2 Easy


Lascia un Commento

Assicurazioni Auto e Consumi
I consumi per le auto non sono l'unica spesa da sostenere; come tutti ben sappiamo c'è la manutenzione, i tagliandi, e le spese accessorie di un'auto. Aumentano, purtroppo, le spese impreviste relative a multe e a tasse relative a pedaggi e parcheggi, ma la spesa maggiore in Italia è dovuta all'assicurazione. Come è possibile leggere su Assicurazioni auto aumentano il numero di auto che viaggiano senza assicurazione e aumentano le disparità tra le province, creando anche degli assurdi, come ad esempio province con meno incidenti e prezzi bloccati dal passato quando gli incidenti erano tanti. Noi di Consumi auto ci auguriamo che questa situazione veda una soluzione più sostenibile per il popolo italiano.