Consumi Fiat Punto Evo 1.2 Start Stop Active

La Grande Punto è stata la freccia nell’arco del rilancio Fiat in grande style della seconda metà del primo decennio del nuovo Millennio.

A rendere le cose più semplici diciamo che la Grande Punto è stata il punto di forza, nelle auto, della gestione Fiat targata Marchionne.
La Fiat Punto Evo s’inserisce a pieno titolo nel filone, ne rappresenta, per così dire, una evoluzione.

La Fiat, storicamente, il marchio più scelto nel segmento delle utilitarie, basti pensare alle panda, alle varie Punto, alla Uno, alla Tipo, con il progetto Fiat Grande Punto ha voluto offrire un quid in più andando a rivaleggiare, per prezzo e prestazioni con altre big.
Come al solito noi di Consumiauto.com forniremo i dati ufficiali e chiederemo una conferma a chi una Punto Evo 1.2 3p. Start&Stop Active la possiede.

 





Scheda tecnica Motore/Consumi

Marca: Fiat
Versione: Fiat Punto Evo 1.2 3p. start&Stop Active
Alimentazione: benzina
Cilindrata: 1242 cm3
Capacità serbatoio: 45 l
Cavalli: 51 kW (69 CV)
Trazione: anteriore
Classe Euro: Euro5
Emissioni CO2: 123 g/Km
Consumo Urbano: 6,7 l/100 Km
Consumo Extra Urbano: 4,4 l/100 Km
Consumo Misto: 5,2 l/100 Km

 

Questi dati tecnici. Siete d’accordo? Ci rivolgiamo ovviamente a chi possiede o ha posseduto una Punto Evo 1.2 3p. start&Stop active, un utente che, pertanto, è in grado di dirci pregi e difetti, che pure ci saranno, della vettura. In attesa di un sicuro e certo feedback vi lasciamo con la scheda tecnica

 


Lascia un Commento

Assicurazioni Auto e Consumi
I consumi per le auto non sono l'unica spesa da sostenere; come tutti ben sappiamo c'è la manutenzione, i tagliandi, e le spese accessorie di un'auto. Aumentano, purtroppo, le spese impreviste relative a multe e a tasse relative a pedaggi e parcheggi, ma la spesa maggiore in Italia è dovuta all'assicurazione. Come è possibile leggere su Assicurazioni auto aumentano il numero di auto che viaggiano senza assicurazione e aumentano le disparità tra le province, creando anche degli assurdi, come ad esempio province con meno incidenti e prezzi bloccati dal passato quando gli incidenti erano tanti. Noi di Consumi auto ci auguriamo che questa situazione veda una soluzione più sostenibile per il popolo italiano.