Consumi Lancia Delta 1.6 MJT 105 CV Silver

Se vi rivolgete a un ultrasettantenne dicendogli la parolina Lancia ci sono buone probabilità di vedere i loro occhi inumidirsi.

Perchè la Lancia rappresenta un momento della storia italiana, con particolare riferimento alla storia dei motori.

Se poi alla parola Lancia aggiungete anche la parolina Delta allora state certi che il pensiero non può non correre a rally esaltanti, a strade a volte polverose altre volte umide.

Immagini di vittoria che legano la lancia Delta allo spumante Martini usato per le celebrare le vittorie.

Ebbene la Lancia ci riprova, e rilancia anche il brand Delta, come nel caso della Delta 1.6 MJT 105 CV Silver. Una creazione pensata soprattutto per i giovanissimi ma capace di far sognare tutti quelli che amano la velocità e la bellezza delle linee Lancia. Il prezzo, se rapportato alle Audi e Volkswagen concorrenti, è più che buono, trattandosi che siamo intorno ai 24mila euro.

Ma come sono i consumi della Lancia Delta 1.6 MJT 105 CV Silver? Sappiamo che spesso velocità e consumi non vanno propriamente d’accordo. Come sono i consumi della Lancia Delta 1.6 MJT 105 CV Silver? Per rispondere diamo una scorsa alla scheda tecnica  





 

Scheda tecnica Motore/Consumi

Marca: Lancia
Versione: Lancia Delta 1.6 MJT 105 CV Silver
Alimentazione: gasolio
Cilindrata: 1598
Capacità serbatoio: 58 l
Cavalli: 77 kW (105 CV)
Trazione: anteriore
Classe Euro: Euro5
Emissioni CO2: 115 g/Km
Consumo Urbano: 5,6 l/100 Km
Consumo Extra Urbano: 3,7 l/100 Km
Consumo Misto: 4,4 l/100 Km

 

Consumi indubbiamente molto, molto interessanti, per una creatura, la Lancia Delta 1.6 MJT 105 CV Silver concepita e realizzata per aggredire l’asfalto e regalare l’emozione della velocità. Ma, come al solito, ci rivolgiamo al popolo della Rete per sapere se le prestazioni riportate trovano riscontro e congruenza nella pratica. Amici di consumiauto.com , fatevi sentire!

 


Lascia un Commento

Assicurazioni Auto e Consumi
I consumi per le auto non sono l'unica spesa da sostenere; come tutti ben sappiamo c'è la manutenzione, i tagliandi, e le spese accessorie di un'auto. Aumentano, purtroppo, le spese impreviste relative a multe e a tasse relative a pedaggi e parcheggi, ma la spesa maggiore in Italia è dovuta all'assicurazione. Come è possibile leggere su Assicurazioni auto aumentano il numero di auto che viaggiano senza assicurazione e aumentano le disparità tra le province, creando anche degli assurdi, come ad esempio province con meno incidenti e prezzi bloccati dal passato quando gli incidenti erano tanti. Noi di Consumi auto ci auguriamo che questa situazione veda una soluzione più sostenibile per il popolo italiano.