Consumi Mazda 2 1.5 102 CV 5p. Sporty

La Mazda, o forse drovrei dire la gloriosa Mazda, fu tra le prime grandi case costruttrici orientali a cercare lo sbarco in europa ed un Italia, un mercato che, sino a poco più di 20-25 anni fa, vedeva come il fumo negli occhi le macchine orientali.

Per un qualche strano motivo gli italiani erano innamorati delle moto asiatiche, ma non si fidavano degli stessi quando costruivano auto. Cose che capitano, del resto la BMW fa anche le moto, ma il brand ce l’ha solo per le auto.

Ad ogni buon conto, quelli della Mazda cominciarono a proporre spider, sportive e berline sempre più belle e a far breccia nel cuore degli italiani.

Con la Mazda 2 1.5 102 CV 5p. Sporty l’obiettivo dichiarato è quello di puntare e di strizzare l’occhio ai giovanissimi che desiderano un’auto agile, bella, guizzante e non troppo impegnativa, ossia non una berlina.

Ebbene la Mazda 2 1.5 102 CV 5p. Sporty è una diretta concorrente della nuova 500 e di altre vetture simili.
Il profilo è di quelli “da paura”, la Mazda 2 1.5 102 CV 5p. Sporty sembra essere stata progettata per correre, lo sporty nel nome ne è una chiara testimonianza.  Le linee sono filanti e nervose, il costo si aggira attorno ai 15-16000 euro.

Ma come sono i consumi della Mazda 2 1.5 102 CV 5p. Sporty?
Per saperlo diamo una scorsa alla scheda tecnica.  

 

Scheda tecnica Motore/Consumi

Marca: Mazda
Versione: Mazda 2 1.5 102 CV 5p. Sporty
Alimentazione: benzina
Cilindrata: 1498
Capacità serbatoio: 43 l
Cavalli: 75 kW (102 CV)
Trazione: anteriore
Classe Euro: Euro5
Emissioni CO2: 132 g/Km
Consumo Urbano: 7,3 l/100 Km
Consumo Extra Urbano: 4,8 l/100 Km
Consumo Misto: 5,7 l/100 Km

 

Indubbiamente una bella auto, una sportiva tutta da guidare, un’auto per sentire e godere del wind, del vento nei capelli.
Ci rivolgiamo a chi possiede o ha avuto una Mazda 2 1.5 102 CV 5p. Sporty

Sono queste le reali prestazioni? Come ti sei trovato? Te la sentiresti di consigliarla? Facci sapere!


Lascia un Commento

Assicurazioni Auto e Consumi
I consumi per le auto non sono l'unica spesa da sostenere; come tutti ben sappiamo c'è la manutenzione, i tagliandi, e le spese accessorie di un'auto. Aumentano, purtroppo, le spese impreviste relative a multe e a tasse relative a pedaggi e parcheggi, ma la spesa maggiore in Italia è dovuta all'assicurazione. Come è possibile leggere su Assicurazioni auto aumentano il numero di auto che viaggiano senza assicurazione e aumentano le disparità tra le province, creando anche degli assurdi, come ad esempio province con meno incidenti e prezzi bloccati dal passato quando gli incidenti erano tanti. Noi di Consumi auto ci auguriamo che questa situazione veda una soluzione più sostenibile per il popolo italiano.