Consumi Mazda MX-5 Roadster 1.8L Wind

La Mazda, verrebbe da dire la gloriosa Mazda, fu una delle prime casa orientali a sbarcare in italia. Lo sbarco, invero, non fu dei più felici, ma con l’andare del tempo i progettisti seppero capire i gusti occidentali e si regolarono di conseguenza. Detto fatto cominciarono a comparire, in Italia ed in Europa, le sportive e le spider griffate Mazda.

La Mazda MX-5 Roadster 1.8L Wind s’inserisce nella tradizione delle spider Mazda e sgomita, per linee e bellezza, con tutte le altre del segmento spider. Un segmento, quasi per sua stessa definizione, affollato di appassionati dei motori; una clientela insomma di alto profilo e non facile da accontentare.

Chi sceglie o possiede una spider non è, solitamente, un tipo che sta lì a vedere i consumi; ma, noi di consumiauto.com , una occhiata ai consumi della Mazda MX-5 Roadster 1.8L Wind vogliamo darla. Sei dei nostri?

 





Scheda tecnica Motore/Consumi

Marca: Mazda
Versione: Mazda MX-5 Roadster 1.8L Wind
Alimentazione: benzina
Cilindrata: 1798
Capacità serbatoio: 50 l
Cavalli: 93 kW (126 CV)
Trazione: posteriore
Classe Euro: Euro5
Emissioni CO2: 167 g/Km
Consumo Urbano: 9,8 l/100 Km
Consumo Extra Urbano: 5,6 l/100 Km
Consumo Misto: 7,1 l/100 Km

 

Indubbiamente una bella auto, una spider da guidare per sentire il wind, il vento nei capelli.
Ci rivolgiamo a chi possiede o ha avuto una Mazda MX-5 Roadster 1.8L Wind?
Sono queste le reali prestazioni? Come ti sei trovato? Te la sentiresti di consigliarla? Facci sapere!

 


Lascia un Commento

Assicurazioni Auto e Consumi
I consumi per le auto non sono l'unica spesa da sostenere; come tutti ben sappiamo c'è la manutenzione, i tagliandi, e le spese accessorie di un'auto. Aumentano, purtroppo, le spese impreviste relative a multe e a tasse relative a pedaggi e parcheggi, ma la spesa maggiore in Italia è dovuta all'assicurazione. Come è possibile leggere su Assicurazioni auto aumentano il numero di auto che viaggiano senza assicurazione e aumentano le disparità tra le province, creando anche degli assurdi, come ad esempio province con meno incidenti e prezzi bloccati dal passato quando gli incidenti erano tanti. Noi di Consumi auto ci auguriamo che questa situazione veda una soluzione più sostenibile per il popolo italiano.