Consumi Mercedes Classe E 200 CGI BlueEFFICIENCY Elegance

E come Elegance, nel caso della Mercedes Classe E 200 CGI BlueEfficinecy Elegance la cosa, l’eleganza intendo, salta agli occhi. Magari si potranno trovare altri difetti a questa Mercedes Classe E, ma nessuno, nessuno sano di mente, potrebbe dire che questa gioiello non è elegante.

La teutonica capacità della Mercedes di progettare e sfornare auto austere, auto che sembrano state pensate per portare dei re. Anche nel dna progettale della Mercedes Classe E 200 CGI BlueEFFICIENCY Elegance sono stati inscritte queste codifiche.

Il risultato è un’auto bellissima, amata di potenti del mondo, dal popolo e, forse ancora di più, dagli ingegneri e dai progettisti che un’auto come quella avrebbero voluto progettarla. E’ l’invidia degli ingegneri.

Noi di consumiauto.com , pur accettando in parte tale invidia, chi non vorrebbe essere ricordato come il papà di una simile meraviglia, ci chiediamo come al solito come sono i consumi di uno splendore come la Mercedes Classe E 200 CGI BlueEFFICIENCY Elegance. Prima dei feedback andiamo a vedere la scheda tecnica





Scheda tecnica Motore/Consumi

Marca: Mercedes
Versione: Classe E 200 cgi blueEfficiency Elegance
Alimentazione: benzina (sovralimentato)
Cilindrata: 1796 cm3
Capacità serbatoio: 59 l
Cavalli: 135 kW (184 CV)
Trazione: posteriore
Classe Euro: Euro5
Emissioni CO2: 165 g/Km
Consumo Urbano: 9,8 l/100 Km
Consumo Extra Urbano: 5,6 l/100 Km
Consumo Misto: 7,1 l/100 Km

 

Questi i dati ufficiali. Ossia quelli forniti dalla casa madre.
Come al solito aspettiamo fiduciosi i commenti dei fortunati che un diamante lavorato del genere lo possiedono, l’hanno posseduto oppure, semplicemente, l’hanno guidato.
E mi raccomando. Elegance.


Lascia un Commento

Assicurazioni Auto e Consumi
I consumi per le auto non sono l'unica spesa da sostenere; come tutti ben sappiamo c'è la manutenzione, i tagliandi, e le spese accessorie di un'auto. Aumentano, purtroppo, le spese impreviste relative a multe e a tasse relative a pedaggi e parcheggi, ma la spesa maggiore in Italia è dovuta all'assicurazione. Come è possibile leggere su Assicurazioni auto aumentano il numero di auto che viaggiano senza assicurazione e aumentano le disparità tra le province, creando anche degli assurdi, come ad esempio province con meno incidenti e prezzi bloccati dal passato quando gli incidenti erano tanti. Noi di Consumi auto ci auguriamo che questa situazione veda una soluzione più sostenibile per il popolo italiano.