Consumi Mitsubishi Pajero 3.2 DI-D 16V 3p. Invite

Chi non ricorda il famoso spot dei ruggenti anni ’80 che recitava Mitsubishi mi stupisci un ben riuscito gioco di fonetica che tuttavia non mancava di rimarcare la qualità e la pluralità dell’offerta Mitsubishi; una multinazionale in grado di spaziare, e di eccellere, dai motori all’elettronica passando per chissà quanti altri settori produttivi.

La Mitsubishi con il suo Pajero 3.2 DI-D 16V 3p. Invite tiene fede a quello spot stupendo il mondo dei fuoristrada e presentando un modello di fuoristrada capace di primeggiare su ogni tipo di terreno. Elegante, potente ed elegante il Mitsubishi Pajero 3.2 DI-D 16V 3p. Invite è un modello al quale guardano con attenzione tanti designer automobilistici con l’intenzione, peraltro non nascosta, di riuscire ad imitare quelle forme e quella funzionalità così unica da essere diventata ormai peculiare e caratteristica.

Ed allora diamo anche noi di consumiauto.com uno sguardo al Mitsubishi Pajero 3.2 DI-D 16V 3p. Invite, al fine di ammirarne le forme, ma con un occhio, ormai l’avete capito, ai consumi del fuoristrada di bandiera della Mitsubishi.
Vediamo la scheda tecnica





 

Scheda tecnica Motore/Consumi

Marca: Mitsubishi
Versione: Mitsubishi Pajero 3.2 DI-D 16V 3p. Invite
Alimentazione: gasolio
Cilindrata: 3200 cm3
Capacità serbatoio: 69 l
Cavalli: 147 kW (200 CV)
Trazione: posteriore, anteriore inseribile
Classe Euro: Euro4
Emissioni CO2: 211 g/Km
Consumo Urbano: 9,6 l/100 Km
Consumo Extra Urbano: 7,0 l/100 Km
Consumo Misto: 8,0 l/100 Km

 

Questi i dati ufficiali forniti dal megacolosso della Mitsubishi, non abbiamo motivo di credere che non siano veritieri ma, al fine di una maggiore sicurezza, nonchè per fornire delle info più precise, aspettiamo come sempre, attraverso commenti ed impressioni, una conferma di prima mano da chi una Mitsubishi Pajero 3.2 DI-D 16V 3p. Invite l’ha posseduto oppure l’ha guidato.


Lascia un Commento

Assicurazioni Auto e Consumi
I consumi per le auto non sono l'unica spesa da sostenere; come tutti ben sappiamo c'è la manutenzione, i tagliandi, e le spese accessorie di un'auto. Aumentano, purtroppo, le spese impreviste relative a multe e a tasse relative a pedaggi e parcheggi, ma la spesa maggiore in Italia è dovuta all'assicurazione. Come è possibile leggere su Assicurazioni auto aumentano il numero di auto che viaggiano senza assicurazione e aumentano le disparità tra le province, creando anche degli assurdi, come ad esempio province con meno incidenti e prezzi bloccati dal passato quando gli incidenti erano tanti. Noi di Consumi auto ci auguriamo che questa situazione veda una soluzione più sostenibile per il popolo italiano.