Consumi Nissan Micra 1.2 12V 5p. Visia

Vi ricordate la prima Nissan Micra? Era molto diversa da questa, vero? Bisogna dire che la Nissan ha fatto un bel lavoro con la Nissan Micra 1.2 12v 5p. Visia, l’auto che trattiamo nel post di oggi sembra far convergere in sè il meglio dello style orientale pensato e realizzato per i gusti occidentali.

Tecnicamente è la Nissan Micra 1.2 12v 5p. Visia sarebbe una utilitaria, ma è una utilitaria sui generis in quanto presenta delle linee molto aggressive, molto sportive per una utilitaria, linee capaci di far innamorare anche, forse sopratutto, i giovani.

La Nissan è stata una delle prime marche orientali a sbarcare in Europa, nel tempo ha imparato a modificare le linee progettuali adattandole al palato degli occidentali. Uno dei risultati è l’auto in esame in questo post.

Ma noi di consumiauto.com siamo particolarmente interessati ai consumi delle auto, ed allora com’è nostra usanza e consuetudine andiamo un po’ vedere come sono i consumi della Nissan Micra 1.2 12v 5p. Visia andando in primis a visionare la scheda tecnica

 





Scheda tecnica Motore/Consumi

Marca: Nissan
Versione: Nissan Micra 1.2 12v 5p. Visia
Alimentazione: benzina
Cilindrata: 1198 cm3
Capacità serbatoio: 41 l
Cavalli: 59 kW (80 CV)
Trazione: anteriore
Classe Euro: Euro5
Emissioni CO2: 115 g/Km
Consumo Urbano: 6,1 l/100 Km
Consumo Extra Urbano: 4,3 l/100 Km
Consumo Misto: 5,0 l/100 Km

 

Questi i dati ufficiali. Ossia quelli forniti dalla casa madre.
I consumi sembrano essere molto buoni, non vi pare? Ma come al solito chiediamo un riscontro immediato e di qualità a chi una Nissan Micra 1.2 12v 5p. Visia l’ha avuto o, semplicemente, l’ha guidata. Una cosa è la scheda tecnica e ben altro il riscontro di prima mano. Ed allora, amici, sotto con i commenti.


Lascia un Commento

Assicurazioni Auto e Consumi
I consumi per le auto non sono l'unica spesa da sostenere; come tutti ben sappiamo c'è la manutenzione, i tagliandi, e le spese accessorie di un'auto. Aumentano, purtroppo, le spese impreviste relative a multe e a tasse relative a pedaggi e parcheggi, ma la spesa maggiore in Italia è dovuta all'assicurazione. Come è possibile leggere su Assicurazioni auto aumentano il numero di auto che viaggiano senza assicurazione e aumentano le disparità tra le province, creando anche degli assurdi, come ad esempio province con meno incidenti e prezzi bloccati dal passato quando gli incidenti erano tanti. Noi di Consumi auto ci auguriamo che questa situazione veda una soluzione più sostenibile per il popolo italiano.