Consumi Nissan Pixo 1.0 5p. Acenta

Consumi Nissan Pixo AcentaUn’auto che ha riscosso un gran bel successo in termini di vendite in casa Nissan è sicuramente la Pixo. Tra le berline in circolazione, la Pixo ha un design molto compatto ed un motore veramente niente male.

Nella versione 1.0 a benzina 5 porte “Acenta”, i consumi sembrano essere molto buoni. La Nissan Pixo, disponibile in tanti bei colori, è una delle auto di piccole dimensioni più scelte per chi non vuole spendere molto e ha bisogno di una berlina per piccoli/medi spostamenti in città.

Anche se non disdegna le apparizioni su strade extra-urbane, la Nissan Pixo è pur sempre una vettura con un motore piuttosto piccolo (ma con ottime prestazioni); per cui… fate bene le vostre valutazioni prima di partire per un lungo viaggio! 😛

Scherzi a parte, lasciamo il lato puramente teorico/tecnico a chi di motori ed auto se ne intende, ed andiamo adare un’occhiata ai consumi della Nissan Pixo 1.0 5p. Acenta.





Scheda tecnica Motore/Consumi

Marca: Nissan
Versione: Pixo 1.0 5p. Acenta
Alimentazione: benzina
Cilindrata: 1197 cm3
Capacità serbatoio: 55 l
Cavalli: 50 kW (68 CV)
Trazione: anteriore
Classe Euro: Euro5
Emissioni CO2: 103 g/Km
Consumo Urbano: 5,5 l/100 Km
Consumo Extra Urbano: 3,8 l/100 Km
Consumo Misto: 4,4 l/100 Km

Sicuramente un’auto da tener d’occhio, soprattutto per il gentil sesso o per chi ha bisogno di una berlina compatta e bella esteticamente.

Anche i consumi, come abbiamo visto nella scheda tecnica del motore, sono buonissimi (ricordiamoci che stiamo parlando sempre di un motore a benzina, anche se di piccola cilindrata).

Ma, naturalmente, questi sono dati forniti dalla casa madre; per cui chiedo, a tutti i fortunati possessori di questa bella automobile:

Quanto consuma la Nissan Pixo 1.0 5p. Acenta?


Lascia un Commento

Assicurazioni Auto e Consumi
I consumi per le auto non sono l'unica spesa da sostenere; come tutti ben sappiamo c'è la manutenzione, i tagliandi, e le spese accessorie di un'auto. Aumentano, purtroppo, le spese impreviste relative a multe e a tasse relative a pedaggi e parcheggi, ma la spesa maggiore in Italia è dovuta all'assicurazione. Come è possibile leggere su Assicurazioni auto aumentano il numero di auto che viaggiano senza assicurazione e aumentano le disparità tra le province, creando anche degli assurdi, come ad esempio province con meno incidenti e prezzi bloccati dal passato quando gli incidenti erano tanti. Noi di Consumi auto ci auguriamo che questa situazione veda una soluzione più sostenibile per il popolo italiano.