Consumi Nuova Lancia Ypsilon 0.9 Twinair 85 CV S&S Silver

Se per la versione commercializzata dal 2006 a qualche mese fa, la Lancia Ypsilon è stata venduta a migliaia di persone in tutta l’Europa, i presupposti per la nuova versione restano ancora ignote. Fatto sta che la Nuova Lancia Ypsilon è stata realizzata con un design ed un modo di concepire le city car davvero affascinante.

Già centinaia sono stati i modelli prenotati prima ancora che venisse aperta la vendita al pubblico negli autosaloni. Compatta, elegante e performante, con uno stile quasi lussuoso. Il prezzo di base si aggira intorno ai € 13.751, ma le versioni tra le quali si può scegliere sono veramente tantissime.

Oggi, su Consumi Auto, parliamo della versione 0.9 Twinair 85 CV S&S Silver, con motore a benzina, di cui tutti parlano veramente bene. E’ ancora presto per dare giudizi su questo modello di auto, perchè è in commercio da alcuni mesi; ma nessuno ci vieta di fare qualche considerazione “teorica”, per cui andiamo a vedere insieme quali sono i consumi della Nuova Lancia Ypsilon 0.9 Twinair 85 CV S&S Silver.





Scheda tecnica Motore/Consumi

Marca: Lancia
Versione: Ypsilon 0.9 Twinair 85 CV S&S Silver
Alimentazione: Benzina
Cilindrata: 875 cm3
Capacità serbatoio: 40 litri
Cavalli: 63 kW (86 CV)
Trazione: anteriore
Classe Euro: Euro5
Emissioni CO2: 99 g/Km
Consumo Urbano: 5,0 l/100 Km
Consumo Extra Urbano: 3,8 l/100 Km
Consumo Misto: 4,2 l/100 Km

I consumi dichiarati dalla Lancia sembrano veramente ottimi, sia in città che sull’extra-urbano. Chissà se rispecchiano veramente quelli reali di ogni giorno. Questo, ovviamente, potrà dircelo solamente chi ha provato o chi guida ogni giorno la Nuova Lancia Ypsilon in questa stupenda versione a benzina.

La domanda viene, quindi, spontanea:

“Quanto consuma la tua Nuova Lancia Ypsilon 0.9 Twinair 85 CV S&S Silver?”


3 Commenti a “Consumi Nuova Lancia Ypsilon 0.9 Twinair 85 CV S&S Silver”

  • Cristiano:

    CONSUMI RILEVATI – 0.9 Twinair Turbo 85 CV

    Stile di guida NORMALE:
    Percorso 1: 70% autostradale, 20% extraurbano e 10% urbano
    – Distanza percorsa: 790 km
    – Percorrenza media viaggio di andata, in modalità “Normal”: 14 km/litro
    – Percorrenza media viaggio di ritorno, in modalità “Eco”: 15,3 km/litro
    Percorso 2: 100% urbano
    – Percorrenza media in “Normal”: 8,2 km/litro
    – Percorrenza media in “Eco”: 11,1 km/litro

    Stile di guida ECONOMY RUN:
    Percorso 1: 100% autostradale
    – Distanza percorsa: 365 km
    – Percorrenza media: 18,1 km/litro
    Percorso 2: 100% extraurbano
    – Distanza percorsa: 310 km
    – Percorrenza media: 19,3 km/litro
    Percorso 3: 60% autostrada, 30% extraurbano, 10% urbano
    – Distanza percorsa: 1.041 km
    – Percorrenza media: 18,4 km/litro

    Non vedo grandi migliormaneti sul fronte consumi rispetto al motore fire 1200 da 69cv, che fa tranquillamente 17/18 km litro senza prestare troppa attenzione alla guida (montato sul FIAT 500 lounge).
    Sto TwinAir non mi convince, a mio avviso manca dell’iniezione diretta di benzina.

  • ivo:

    ho percorso 250 km di cui 180 in autostrada sempre sotto i 130 km/h.10 in città,il resto su statale.risultato? 12,5km/l.questo motore secondo me fa schifo oltre ad avere una rumorosità ai bassi regimi ,fastidiosa e ridicola.Siamo ritornati indietro di trenta anni!(vedi panda 30 e 126)

  • Pier:

    Lancia Ypsilon Twinair dfn, uso interamente urbano e per brevi tragitti. Risultato: 12,5 km/l (ovvero 8l/100km), sinceramente mi aspettavo di meglio. Siamo lontani anni luce dai 5l/100km dichiarati da Lancia per il tratto urbano.
    Ps modalità di guida 90% eco.

Lascia un Commento

Assicurazioni Auto e Consumi
I consumi per le auto non sono l'unica spesa da sostenere; come tutti ben sappiamo c'è la manutenzione, i tagliandi, e le spese accessorie di un'auto. Aumentano, purtroppo, le spese impreviste relative a multe e a tasse relative a pedaggi e parcheggi, ma la spesa maggiore in Italia è dovuta all'assicurazione. Come è possibile leggere su Assicurazioni auto aumentano il numero di auto che viaggiano senza assicurazione e aumentano le disparità tra le province, creando anche degli assurdi, come ad esempio province con meno incidenti e prezzi bloccati dal passato quando gli incidenti erano tanti. Noi di Consumi auto ci auguriamo che questa situazione veda una soluzione più sostenibile per il popolo italiano.