Consumi Porsche Panamera 3.6

Se dici Porsche il pensiero corre veloce e rapido verso il Cayenne o verso la mitica 911, ma la casa costruttrice tedesca rappresenta ed ha fatto ben altro.

La sua capacità di concepire motori e linee verrà evidenziata dalla Panamera 3.6, un’auto bella e tentatrice come la mela del peccato.

Se la Panamera 3.6 fosse un peccato e si peccasse anche solo con il pensiero allora il paradiso sarebbe una località amena e molto spopolata.

la scheda della Porsche Panamera 3.6 a classifica come berlina, ma, a valle di una rapida occhiata, ci si rende immediatamente conto che trattasi di una berlina ben sui generis.
A confermare l’occhiata alle linee contribuisce il rombo che proprio da berlina non è.

Non sono da berlina infatti nè le linee nè tantomeno il potente motore che muove ed anima le stesse.
In modo analogo andremo, anche nel caso della Panamera 3.6, ad investigare la scheda tecnica chiedendo poi il solito feedback agli internauti, anche se già sappiamo che in questo caso i fortunati non saranno tantissimi.





 

Scheda tecnica Motore/Consumi

Marca: Porsche
Versione: Panamera 3.6
Alimentazione: benzina
Cilindrata: 3605 cm3
Capacità serbatoio: 80 l
Cavalli: 220 kW (300 CV)
Trazione: posteriore
Classe Euro: Euro5
Emissioni CO2: 261 g/Km
Consumo Urbano: 16,4 l/100 Km
Consumo Extra Urbano: 7,8 l/100 Km
Consumo Misto: 11,0 l/100 Km

 

Questi i dati ufficiali. Ossia quelli forniti dalla casa madre.
Come al solito aspettiamo fiduciosi i commenti dei fortunati che un’auto del genere la possiedono, l’hanno posseduta oppure, semplicemente, l’hanno guidata.


Lascia un Commento

Assicurazioni Auto e Consumi
I consumi per le auto non sono l'unica spesa da sostenere; come tutti ben sappiamo c'è la manutenzione, i tagliandi, e le spese accessorie di un'auto. Aumentano, purtroppo, le spese impreviste relative a multe e a tasse relative a pedaggi e parcheggi, ma la spesa maggiore in Italia è dovuta all'assicurazione. Come è possibile leggere su Assicurazioni auto aumentano il numero di auto che viaggiano senza assicurazione e aumentano le disparità tra le province, creando anche degli assurdi, come ad esempio province con meno incidenti e prezzi bloccati dal passato quando gli incidenti erano tanti. Noi di Consumi auto ci auguriamo che questa situazione veda una soluzione più sostenibile per il popolo italiano.