Consumi Seat Altea 1.2 TSI Reference

Tecnicamente la Seat Altea 1.2 TSI Reference è indicata essere una monovolume o una multispazio, ma di fatto le sue linee e le sue prestazioni sono diverse, molto diverse. Quasi da sportiva.

L’Altea è la risposta della Seat ad un ben preciso segmento, quello che strizza l’occhio ai giovani, ad i neopatentati come a quelli più “attempati” che non vogliono rinunciare ad una bella auto.

Di sicuro trattasi di una bella serie; di questa serie l’Altea 1.2 TSI Reference è una delle basic, ma non per questo non ha delle buone carte da giocare ed, anzi, sa farsi ben valere nel confronto.

Noi di consumiauto.com amiamo molto i confronti, anzi possiamo ben dire che questo blog è nato proprio per favorire rapidi confronti nei consumi. Ed allora andiamo un po’ vedere insieme, nella scheda tecnica, come sono i consumi della Seat Altea 1.2 TSI Reference.

 

Scheda tecnica Motore/Consumi

Marca: Seat
Versione: Seat Altea 1.2 TSI Reference
Alimentazione: benzina
Cilindrata: 1197 cm3
Capacità serbatoio: 55 l
Cavalli: 77 kW (105 CV)
Trazione: anteriore
Classe Euro: Euro5
Emissioni CO2: 137 g/Km
Consumo Urbano: 7,3 l/100 Km
Consumo Extra Urbano: 5,1 l/100 Km
Consumo Misto: 5,9 l/100 Km

 

Questi i dati ufficiali. Ossia quelli forniti dalla casa madre, per un vero e proprio riscontro non possiamo che aspettare i feedback che ci forniranno gli internauti che hanno posseduto, possiedono e hanno guidato una Seat Altea 1.2 TSI Reference. Solo queste persone potranno fornirci una impressione di prima mano.


Lascia un Commento

Assicurazioni Auto e Consumi
I consumi per le auto non sono l'unica spesa da sostenere; come tutti ben sappiamo c'è la manutenzione, i tagliandi, e le spese accessorie di un'auto. Aumentano, purtroppo, le spese impreviste relative a multe e a tasse relative a pedaggi e parcheggi, ma la spesa maggiore in Italia è dovuta all'assicurazione. Come è possibile leggere su Assicurazioni auto aumentano il numero di auto che viaggiano senza assicurazione e aumentano le disparità tra le province, creando anche degli assurdi, come ad esempio province con meno incidenti e prezzi bloccati dal passato quando gli incidenti erano tanti. Noi di Consumi auto ci auguriamo che questa situazione veda una soluzione più sostenibile per il popolo italiano.