Consumi Seat Leon 1.2 TSI Style

Ed arriviamo alla Seat Leon 1.2 TSI Style, evoluzione, assolutamente in positivo, della Seat Leon già presente nei ruggenti (dopotutto stiamo parlando di una Leon) anni ’90.

La nuova serie Leon, di cui la 1.2 TSI Style ne rappresenta uno dei modelli di punta, deve molto alla precedente “sperimentazione”, basta, in tal senso, dare un rapido sguardo al design ed alle linee per rendersi conto che se pure la mano non è la stessa di sicuro al vecchia Leon ha fatto da modello per la nuova Leon.

Indubbiamente la Seat Leon 1.2 TSI Style  è un’auto molto bella da vedere, dai costi anche abbastanza contenuti, basta vedere quanto costano le concorrenti tedesche del suo segmento.
Ma, come avrete ormai capito, il blog non si chiama consumiauto.com per sport o per mero e semplice capriccio, bensì perchè vogliamo fornire all’internauta, sia esso un appassionato o un neofita del mondo dei motori, una guida non solo al prezzo dell’auto, quello è facile da trovare, ma altresì ai consumi dell’auto.

Per avere una indicazione dei consumi, in attesa di un riscontro sperimentale, andiamo un po’ a vedere, secondo la scheda tecnica, quanto consuma una Seat Leon 1.2 TSI Style.   





Scheda tecnica Motore/Consumi

Marca: seat
Versione: seat Leon 1.2 TSI Style
Alimentazione: benzina (sovralimentato)
Cilindrata: 1197 cm3
Capacità serbatoio: 55 l
Cavalli: 77 kW (105 CV)
Trazione: anteriore
Classe Euro: Euro5
Emissioni CO2: 132 g/Km
Consumo Urbano: 7,1 l/100 Km
Consumo Extra Urbano: 4,9 l/100 Km
Consumo Misto: 5,7 l/100 Km

 

Questi i dati ufficiali. Ossia quelli forniti dalla casa madre. Il riscontro sperimentale di cui sopra è quello che verrà fornito dagli internauti e da chi una Seat Leon 1.2 TSI Style la possiede, l’ha avuta come auto oppure, più semplicemente l’ha guidata.
Ed allora, amici di consumiauto.com, dite la vostra sui consumi della  Seat Leon 1.2 TSI Style

 


Lascia un Commento

Assicurazioni Auto e Consumi
I consumi per le auto non sono l'unica spesa da sostenere; come tutti ben sappiamo c'è la manutenzione, i tagliandi, e le spese accessorie di un'auto. Aumentano, purtroppo, le spese impreviste relative a multe e a tasse relative a pedaggi e parcheggi, ma la spesa maggiore in Italia è dovuta all'assicurazione. Come è possibile leggere su Assicurazioni auto aumentano il numero di auto che viaggiano senza assicurazione e aumentano le disparità tra le province, creando anche degli assurdi, come ad esempio province con meno incidenti e prezzi bloccati dal passato quando gli incidenti erano tanti. Noi di Consumi auto ci auguriamo che questa situazione veda una soluzione più sostenibile per il popolo italiano.