Consumi FIAT Sedici 2.0 MJT 16V DPF 4×4 Dynamic

La casa costruttrice di bandiera, l’italiana, non si ancora in che percentuale, Fiat decise qualche anno fa di raccolgiere la sfida mondiale dei Suv. la sfida fu raccolta lanciando la Sedici.
FIAT Sedici 2.0 MJT 16V DPF 4×4 Dynamic rappresenta una evoluzione di quella idea.
Il suv pensato dai designer della Fiat è un Suv sui generis, molto guidabile, non eccessivamente “vistoso”, ma comunque in grado di fornire delle ottime prestazioni.
Prestazioni concorrenziale a voler usare un termine più caro ai marketer.

Ma come sono i consumi del Fiat Sedici 2.0 MJT 16V DPF 4×4 Dynamic variano, com’è normale,a seconda di chi guida e dello style dello stesso; cionondimeno esistono dei valori sui consumi standard.
E sono, considerando i competitor, niente male.

Scheda tecnica Motore/Consumi

Marca: Fiat
Versione: FIAT Sedici 2.0 MJT 16V DPF 4×4 Dynamic
Alimentazione: Diesel
Cilindrata: 1956 cm3
Capacità serbatoio: 50 litri
Cavalli: 99kW / 135 CV
Trazione: Integrale
Classe Euro: Euro5
Emissioni CO2: 143 g/km
Consumo Urbano: 7.0 l/100km
Consumo Extra Urbano: 4.6 l/100km
Consumo Misto: 5.5 l/100km

 

Questi sono i consumi dichiarati dalla casa madre, ma come al solito chiediamo al popolo della Rete se questi dati corrispondono al vero.
Hai una FIAT Sedici 2.0 MJT 16V DPF 4×4 Dynamic

Qual è la tua esperienza con FIAT Sedici 2.0 MJT 16V DPF 4×4 Dynamic?


Lascia un Commento

Assicurazioni Auto e Consumi
I consumi per le auto non sono l'unica spesa da sostenere; come tutti ben sappiamo c'è la manutenzione, i tagliandi, e le spese accessorie di un'auto. Aumentano, purtroppo, le spese impreviste relative a multe e a tasse relative a pedaggi e parcheggi, ma la spesa maggiore in Italia è dovuta all'assicurazione. Come è possibile leggere su Assicurazioni auto aumentano il numero di auto che viaggiano senza assicurazione e aumentano le disparità tra le province, creando anche degli assurdi, come ad esempio province con meno incidenti e prezzi bloccati dal passato quando gli incidenti erano tanti. Noi di Consumi auto ci auguriamo che questa situazione veda una soluzione più sostenibile per il popolo italiano.