Consumi Subaru Legacy 2.0i SW Comfort

Anche la Subaru ha ben recepito, al pari delle altre case costruttrice orientali, che per sfondare nei mercati “occidentali” bisognava sfornare prodotti (auto) occidentali. Detto fatto.

Guardando la Subaru Legacy 2.0i SW Comfort mi verrebbe da domandarvi se vi sembra un’auto orientale o non piuttosto una station wagon tedesca o francese o italiana o comunque europea?

Ecco cosa intendevo quando dicevo che i designer orientali hanno corretto il tiro in fatto di style adattandolo al nostro modo di concepire forme e motori.

La Subaru, con la Legacy 2.0i SW Comfort, s’inserisce e vuole competere nel segmento delle station wagon, un segmento sempre molto amato dalle famiglie e da altri tipologie di professionisti. Lo fa con una vettura dal design accattivante e con il marchio di affidabilità che da sempre contraddistingue alcuni marchi.  Una vettura per tutta la famiglia ma, nondimeno, capace di infiammare il cuore anche di persone più giovani ed “audaci”.

 

Scheda tecnica Motore/Consumi

Marca: Subaru
Versione: Subaru Legacy 2.0i SW Comfort
Alimentazione: benzina
Cilindrata: 1994 cm3
Capacità serbatoio: 65 l
Cavalli: 110 kW (150 CV)
Trazione: integrale permanente
Classe Euro: Euro5
Emissioni CO2: 199 g/Km
Consumo Urbano: 11,7 l/100 Km
Consumo Extra Urbano: 6,8 l/100 Km
Consumo Misto: 8,6 l/100 Km

 

Non male neanche i dati che, come al solito, vorremmo confrontare, per confermarli o confutarli, con chi la Subaru Legacy l’ha davvero guidata. Uno degli obiettivi del nostro blog, ossia di consumiauto.com , è infatti quello di diventare una piattaforma di confronto sui dati e sui consumi delle auto. E per fare ciò è necessario l’interazione con chi possiede o ha posseduto determinati modelli.

 


Lascia un Commento

Assicurazioni Auto e Consumi
I consumi per le auto non sono l'unica spesa da sostenere; come tutti ben sappiamo c'è la manutenzione, i tagliandi, e le spese accessorie di un'auto. Aumentano, purtroppo, le spese impreviste relative a multe e a tasse relative a pedaggi e parcheggi, ma la spesa maggiore in Italia è dovuta all'assicurazione. Come è possibile leggere su Assicurazioni auto aumentano il numero di auto che viaggiano senza assicurazione e aumentano le disparità tra le province, creando anche degli assurdi, come ad esempio province con meno incidenti e prezzi bloccati dal passato quando gli incidenti erano tanti. Noi di Consumi auto ci auguriamo che questa situazione veda una soluzione più sostenibile per il popolo italiano.