Consumi Toyota Aygo 1.0 VVT-i 5p.

Il successo delle Smart ha fatto da apripista ad una serie di city car, succede con le auto quell0 che succede un po’ con tutti gli altri prodotti commerciali: i successi fanno moda.

Sino alla prossima moda.
Con questa idea in testa, la Toyota, che già aveva lanciato un piccolo genio con la Yaris, ha deciso di aggredire il segmento con la Aygo.
Ma ha deciso di farlo in modo differente, la Aygo 1.0 VVT-i ha 5 porte, cosa tutt’altro che scontata con le city car, senza che la linea generale ne risenti in alcun modo.

Curiosità. il termine Aygo è un divertente gioco di parole  è un gioco di parole con l’omofono I go, io vado. Un bel giochino di parole non vi sembra? Un termine inglese che diventa qualcos’altro. Ma torniamo adesso all’Aygo ed alle sue caratteristiche. Noi di consumiauto.com vi forniamo la scheda tecnica. Eccola

 





Scheda tecnica Motore/Consumi

Marca: Toyota
Versione: Toyota Aygo 1.0 VVT-i 5p.
Alimentazione: benzina
Cilindrata: 998 cm3
Capacità serbatoio: 35 l
Cavalli: 50 kW (68 CV)
Trazione: anteriore
Classe Euro: Euro5
Emissioni CO2: 105 g/Km
Consumo Urbano: 5,5 l/100 Km
Consumo Extra Urbano: 4,0 l/100 Km
Consumo Misto: 4,6 l/100 Km

 

Questi dati tecnici, ma, come al solito, aspettiamo una conferma di prima mano dai tanti che una Aygo 1.0 VVT-i 5p. l’hanno guidata per davvero. In attesa dei commenti e dei riscontri, positivi e negativi, vi lasciamo per passare alla prossima auto di consumiauto.com

 


Lascia un Commento

Assicurazioni Auto e Consumi
I consumi per le auto non sono l'unica spesa da sostenere; come tutti ben sappiamo c'è la manutenzione, i tagliandi, e le spese accessorie di un'auto. Aumentano, purtroppo, le spese impreviste relative a multe e a tasse relative a pedaggi e parcheggi, ma la spesa maggiore in Italia è dovuta all'assicurazione. Come è possibile leggere su Assicurazioni auto aumentano il numero di auto che viaggiano senza assicurazione e aumentano le disparità tra le province, creando anche degli assurdi, come ad esempio province con meno incidenti e prezzi bloccati dal passato quando gli incidenti erano tanti. Noi di Consumi auto ci auguriamo che questa situazione veda una soluzione più sostenibile per il popolo italiano.