Peugeot 208: Consumi ed emissioni da record

peugeot 208 vti

Sei mesi dal lancio del prodotto, 26 mila modelli venduti. Qual’è il segreto della Peugeot 208?

Partiamo dalle dimensioni ridotte, caratteristica molto apprezzata ultimamente dai guidatori, dato che consentono maggiore maneggevolezza e agilità nel traffico cittadino. Infatti, rispetto alla 207, la Peugeot 208 si è alleggerita di 173 Kg, accorciata di 7 cm e ribassata di 1.

Dalla versione 1,4 si è passati alla 1,2 e dai quattro cilindri si è arrivati ai tre, confezionando un nuovo motore 25 kg più leggero e dotato dei sensazionali pistoni rivestiti in DLC, montati in modo da ridurre al massimo gli attriti.

Grazie a questa struttura la Peugeot 208 riesce a generare consumi ed emissioni da record. Si registra una media 4,6 litri/100 km con soli 104 grammi di CO2/km per la versione 1.2 VTi.





Più piccola fuori, ma più spaziosa dentro, la 208 amplia di 5 cm lo spazio per le ginocchia dei  passeggeri seduti nella parte posteriore, conferendo all’abitacolo migliori caratteristiche di comfort anche per 5 passeggeri. Ma la novità più interessante è rappresentata dalla presenza del display touch-screen da 7″, realizzato in collaborazione con Magneti Marelli, mentre, sempre in tema di technology, non mancano porta USB, aux e bluetooth. Anche la dimensione del bagagliaio è aumenta di ben 15 dm³ di capacità di carico.

Grazie anche a questa tecnologia alla moda la nuova Peugeot 208 ridefinisce le caratteristiche della classe utilitaria.

Scheda Tecnica/Consumi Peugeot 208 1,2 12V VTi 5p Access

Marca: Peugeot
Versione: 12V VTi 5p Access
Alimentazione: benzina
Cilindrata: 1199 cm3
Capacità serbatoio: 50 l
Cavalli: 60 kW (82 CV)
Trazione: anteriore
Classe Euro: Euro5
Emissioni CO2: 149 g/Km
Consumo Urbano: 5,6 l/100Km
Consumo Extra Urbano: 4,1 l/100Km
Consumo Misto: 4,6 l/100Km

 


Lascia un Commento

Assicurazioni Auto e Consumi
I consumi per le auto non sono l'unica spesa da sostenere; come tutti ben sappiamo c'è la manutenzione, i tagliandi, e le spese accessorie di un'auto. Aumentano, purtroppo, le spese impreviste relative a multe e a tasse relative a pedaggi e parcheggi, ma la spesa maggiore in Italia è dovuta all'assicurazione. Come è possibile leggere su Assicurazioni auto aumentano il numero di auto che viaggiano senza assicurazione e aumentano le disparità tra le province, creando anche degli assurdi, come ad esempio province con meno incidenti e prezzi bloccati dal passato quando gli incidenti erano tanti. Noi di Consumi auto ci auguriamo che questa situazione veda una soluzione più sostenibile per il popolo italiano.