Consumi Alfa Romeo 159 2.0 JTDm 136 CV Progression

Consumi Alfa Romeo 159Sotto a chi tocca! Cari amici lettori… ci soffermiamo, oggi, sui consumi dell’Alfa Romeo 159 2.0 JTDm 136 CV Progression, una berlina a cinque porte prodotta negli stabilimenti di Pomigliano d’Arco dalla casa automobilistica italiana “Alfa Romeo” nel 2005.

Si presenta con un design prevalentemente sportivo, ma elegante e delle dimensioni veramente confortevoli: 4661 cm di lunghezza, 1828 cm di larghezza e circa 1417 cm di altezza. E’ abbastanza spaziosa da poter ospitare fino a cinque persone ed ha un bagagliaio di 405 dm3. Questa signora automobile è dotata di un motore molto potente a 4 cilindri in linea con una cilindrata di 1956 cm3 ed una potenza massima di 136 CV, grazie alla quale l’Alfa Romeo 159 2.0 JTDm 136 CV Progression può raggungere una velocità pari a 202 km/h in meno di 10 secondi.

L’auto in questione è alimentata a gasolio, i consumi sono molto buoni per tutta questa potenza. Per rendercene conto, osserviamo la scheda tecnica relativa al motore ed i consumi.





Scheda tecnica Motore/Consumi

Marca: Alfa Romeo
Versione: 159 2.0 JTDm 136 CV Progression
Alimentazione: gasolio
Cilindrata: 1956 cm3
Capacità serbatoio: 70 litri
Cavalli: 100 kW (136 CV)
Trazione: anteriore
Classe Euro: Euro5
Emissioni CO2: 134 g/Km
Consumo Urbano: 6,6 l/100 Km
Consumo Extra Urbano: 4,2 l/100 Km
Consumo Misto: 5,1 l/100 Km

Come possiamo vedere i consumi della Alfa Romeo 159 2.0 JTDm 136 CV Progression non sono eccessivi; anzi… direi che sono veramente buoni, considerando le sorprendenti prestazioni!

Ovviamente, però, questi sono valori e dati dichiarati dall’Alfa Romeo, e noi tutti sappiamo che ogni stile di guida registra esperienze relative ai consumi diverse dagli altri.

Proprio per questo, noi di Consumi Auto, chiediamo a tutti i possessori di questa splendida auto:

“Quanto consuma l’Alfa Romeo 159 2.0 JTDm 136 CV Progression?”


Lascia un Commento

Assicurazioni Auto e Consumi
I consumi per le auto non sono l'unica spesa da sostenere; come tutti ben sappiamo c'è la manutenzione, i tagliandi, e le spese accessorie di un'auto. Aumentano, purtroppo, le spese impreviste relative a multe e a tasse relative a pedaggi e parcheggi, ma la spesa maggiore in Italia è dovuta all'assicurazione. Come è possibile leggere su Assicurazioni auto aumentano il numero di auto che viaggiano senza assicurazione e aumentano le disparità tra le province, creando anche degli assurdi, come ad esempio province con meno incidenti e prezzi bloccati dal passato quando gli incidenti erano tanti. Noi di Consumi auto ci auguriamo che questa situazione veda una soluzione più sostenibile per il popolo italiano.