Consumi Alfa Romeo MiTo 1.6 JTDm-2 S&S Distinctive

Chi possiede questa automobile è davvero fortunato! Ebbene sì, cari amici di consumiauto.com, oggi parliamo dei consumi della MiTo 1.6 JTDm-2 S&S Distinctive. Un auto dal design elegante ed imponente, è una delle più adatte per gli amanti della velocità.

E’ disponibile in diversi colori, cromati o metalizzati. Impreziosita da fari a goccia, le luci di coda tonde e il cofano che disegna uno scollo a V, con cerchi in lega 16″ Sport 195/55. Quanto al motore, come già accennato, la MiTo 1.6 JTDm-2 S&S Distinctive è veramente una bomba: raggiunge una velocità massima di 198 km/h raggiunta in circa 9,9 secondi, poichè dotata di un motore a 4 cilindri in linea da 120 CV ed una cilindrata di 1598 cm3.

Anche all’interno l’autovettura non si smentisce: possiede i sedili in pelle pregiata, Autoradio CD MP3 con 6 altoparlanti e volante in pelle nera a doppia cucitura.

Quanto ai consumi, quest’automobile è da considerare un vero e proprio gioiellino. Per renderci conto, diamo un’occhiata alla parte tecnica, per chi di motori se ne intende.





Scheda tecnica Motore/Consumi

Marca: Alfa Romeo
Versione: MiTo 1.6 JTDm-2 S&S Distinctive
Alimentazione: gasolio (sovralimentato)
Cilindrata: 1598 cm3
Capacità serbatoio: 45 litri
Cavalli: 210 kW (95 CV)
Trazione: anteriore
Classe Euro: Euro5
Emissioni CO2: 114 g/Km
Consumo Urbano: 5,5 l/100 Km
Consumo Extra Urbano: 4,0 l/100 Km
Consumo Misto: 4,4 l/100 Km

Ottimo, non vi pare? Questo è quanto dichiarato dalla casa produttrice, ma per capire se questi consumi corrispondono a quelli effettivi, non ci resta che affidarci a voi e alla vostra esperienza in strada.

Perciò, a questo punto, chiedo a tutti coloro che hanno provato questa bellissima automobile: “Quanto consuma veramente l’Alfa Romeo MiTo 1.6 JTDm-2 S&S Distinctive”?

Cosa aspettate? Voi, fortunati possessori di questa vettura, diteci la vostra!


Lascia un Commento

Assicurazioni Auto e Consumi
I consumi per le auto non sono l'unica spesa da sostenere; come tutti ben sappiamo c'è la manutenzione, i tagliandi, e le spese accessorie di un'auto. Aumentano, purtroppo, le spese impreviste relative a multe e a tasse relative a pedaggi e parcheggi, ma la spesa maggiore in Italia è dovuta all'assicurazione. Come è possibile leggere su Assicurazioni auto aumentano il numero di auto che viaggiano senza assicurazione e aumentano le disparità tra le province, creando anche degli assurdi, come ad esempio province con meno incidenti e prezzi bloccati dal passato quando gli incidenti erano tanti. Noi di Consumi auto ci auguriamo che questa situazione veda una soluzione più sostenibile per il popolo italiano.